martedì 10 novembre 2015

Ode al disordine

Disordine accadi così che ti ripeti ti intrufoli ti insinui e ti sostanzi,
Tu sei il nulla che accade
e la nostra vita è tutto un sistemarti un collocarti un contenerti
e tu imperterrito disordini e distrai
Sospeso nel vagare lento della polvere ti distilli nelle gocce del riposo
valichi le resistenze alla morte 
tu che sei l'anima del mondo
E  intorno a te è l'affaccendarsi dei giorni, un brulicare di gesti mai paghi
Posta un commento