mercoledì 2 dicembre 2015

L’amore che ti è accaduto (filastrocca per un’amica adorata)



L’amore che ti è accaduto mi confonde ed è per questo che fatico a parlarne. Filtra fra le persiane che tu lasci appena socchiuse come la luce che nei giorni più svogliati si avvicina timida ad accarezzare gli occhi bisbigliando filastrocche e, se ci ripariamo sotto il cuscino, si ritrae un po' spaventata ma non tanto da smettere.
L’amore che ti è accaduto è così come dici anche se non sai davvero di dirlo, gli sei accaduta e, da quel momento, non fa altro che accadere, e lo sa e si spaventa, e si ritrae e ritorna e chiede senza domandare e parla senza dire, e accade, accade, accade con te, che tu sei già abituata ad accadere e non ci fai caso e ogni tanto sbuffi come a dire, su sveglia bell’amore che qui si accade e il tempo davvero non c'entra, lui è lì che diviene insieme a tutto il resto, dagli una fine incerta, un dubbio, e gli scorre sulla schiena un brivido lungo 5 o 6 ere terrestri e ai dinosauri laggiù gli prende uno scompenso e qualche vulcano dà di matto più del dovuto.
Ma mi sono persa perché il tempo e le sue vicende sono sempre lì a chiedere un po' di attenzione e mi sovviene una certa tenerezza inspiegabile  e allora lo accarezzo e gli dico, su stai buono lo so che ci sei anche tu, e che il fatto che qualcosa accada in sé e per sé, da solo o in compagnia, ti sgomenta, ma non ci fare caso, c'è un divenire sempre e c'è un qualche accadere, raro peraltro, di che ti preoccupi. Tu hai una certa natura, un certo corso si potrebbe dire, e ciò che accade no, non si può dire che abbia un corso, un percorso, un sentiero, una strada qualunque che vada a parare verso o addirittura lì o là, fai tu, perché ciò che Accade- Accade, e non puoi paragonare.
Ma vallo a spiegare all’amore che ti è accaduto che lui sta accadendo, non si può spiegare neanche con i d'altronde che solitamente servono quando tutto sembra perduto e d'altronde, dicevamo, neanche il tempo, che ha molta più esperienza di lui, se ne è fatto una ragione che qualcosa gli sfugga da qualche buco, e accada.
L’amore che ti è accaduto accade insieme a te, piccolo bimbo felice e dubbioso, accade senza difesa, anche se ce la mette tutta a difendere il suo divenire e crede, addirittura, di averne nostalgia, di provarne la mancanza, ma quando si accade davvero, l'indietro non c'è più, ingoiato dal tempo (che quello mangia a quattro ganasce tutto il raccontabile) e non c'è neanche il davanti (di cui il tempo è golosissimo) e, se ti metti al suo posto capisci e lo vedi, lo vedi con l'anima che accade e la testa che vorrebbe succedere e non è facile stare in quel modo.
Bisogna essere generosi con chi sta accadendo con noi.
E tu lo sei sopra ogni cosa.
L’Altissimo è geloso di te e non capisce come sia potuto accadere e adesso, proprio in questo istante, ha preso il tempo là davanti, e gli sta facendo una tale sciacquata di testa che, infatti manco a dirlo e come al solito quando Dio si arrabbia con il tempo, pioverà.
Povero tempo.



(2006?)
Posta un commento