sabato 1 giugno 2013

Fragole in terra straniera

2006 A Sus


Io ti sento senza distanza.
So tutto, delle fragole e del resto.
Ti vedo e ti sento, mi abiti e sei leggera, mi alleggerisci di me,  dell'assenza dei miei giorni e del peso di non provare più desiderio, di attendere il compiersi di un amore stanco di non amore.
La mancanza mi ha sfinito.
Ma tu che raccogli i gesti del piantare fragole per un giardino che non ti invita, che commuovi il sentire in quella terra smossa, trattata con cura perché non soffochi i germogli, tu sei viva e non morirai.

Posta un commento