giovedì 17 dicembre 2009

Dispensario delle parole estinte: Amante

"L'innamorato, per lo più, chi non ha colti ancora i frutti materiali dell'amore.
Ha buono e mal senso: ma oggidì l'ha sovente ridicolo, perchè ridicolo pare chi confessa l'amore; confessare l'odio è cosa più nobile a molti.
Amoroso, in molti dialetti, l'innamorato o il damo; ma nel toscano non ha questo senso comunemente, e serbasi solo alle parti teatrali: primo amoroso, secondo amoroso.
Il ganzo può essere vecchio o giovane, bello o brutto, purché sia stromento d'illecito piacere o di lucro turpe. Questo i latini chiamavano amasio.
Questo, con vocabolo più forte, noi chiamiamo drudo; che aveva senso innocente in antico, ora l'ha di dispregio.
Amico, voce nobilissima, acquistò in tempi miseri, senso affine a ganzo e a drudo. E in certe città non è quasi vergogna dire di donna: ha l'amico."

Niccolò Tommaseo, Nuovo dizionario dei sinonimi della lingua italiana, quarta edizione milanese accresciuta e riordinata dall’autore, Milano per Giuseppe Reyna, Librajo-Editore, M.DCCC.LVIII

Voce 301- Amante, Innamorato, Amoroso, Amasio, Amico, Ganzo, Drudo, pag. 51



Posta un commento